lunedì 11 maggio 2015

PASSATO E PRESENTE


 Rosa Elisa Giangoia

   Anche se non è del tutto vero che l’historia sia magistra vitae nel senso che, conoscendo gli errori del passato si eviterà di ripeterli nel presente e nel futuro, anche perché Cicerone con questa sua frase  (De Or., II, 9, 36) voleva soprattutto esortare gli uomini del suo tempo a guardare ed imitare i grandi esempi di virtù morale e civile del passato, è pur vero che certe situazioni della storia possono fornire utili indicazioni per meglio comprendere il presente ed aiutarci ad individuare linee d’indirizzo per il futuro.
   A questo proposito è interessante notare che in Francia attualmente è molto vivace il dibattito sul libro dello storico e giornalista Michel De JaeghereLes Derniers Jours. La fine de l’empire romaine (Les Belles Lettres, Paris 2014), un saggio di oltre seicento pagine che induce a riflettere sulle ragioni di uno degli eventi più importanti della storia universale, evidenziando certe analogie con la nostra attuale società.
   Innanzitutto De Jaeghere sottopone ad analisi critica quello che ormai è ovvio per gli storici accademici, cioè che l'Impero Romano non cadde per colpa del cristianesimo. La tesi secondo cui i cristiani, con il loro messaggio di amore e di pace, avrebbero reso l'Impero imbelle di fronte ai barbari – già presente in polemisti pagani dei primi secoli, come Celso - è stata elaborata e diffusa dall'Illuminismo, in particolare da Voltaire, e poi ripresa da Edward Gibbon. Ma, come evidenzia De Jaeghere, non è sostenibile. Agli inizi del V secolo, infatti, i cristiani nell'Impero Romano d'Occidente erano solo il 10%, mentre erano maggioranza nell'Impero d'Oriente, che invece resisterà alle invasioni e durerà ancora mille anni. Bisogna ricordare invece che è proprio quella minoranza cristiana, di alta levatura intellettuale, che cerca di mantenere in vita Roma, con figure come Ambrogio e Agostino, ma anche con generali, come Stilicone ed Ezio, che combattono contro gli invasori. Ci sono sì processi nei confronti di singoli soldati che rifiutano di prendere le armi, in quanto cristiani, ma sono una minoranza così esigua che non possono pesare sul piano militare.
   Rimossa questa motivazione, resta pur sempre la domanda su come l’Impero Romano sia potuto cadere. De Jaeghere considera con attenzione la motivazione della “decadenza” al cui riguardo oggi gli storici sono molto cauti. È vero che in quella che è l'attuale Italia, negli ultimi secoli dell'Impero, 200.000 capifamiglia avevano diritto a somministrazioni gratuite di cibo, che lavorassero o meno, situazione che ci riporta alle attuali sempre più incalzanti proposte di reddito di cittadinanza.  Inoltre i cittadini romani che lavoravano, militari esclusi, avevano 180 giorni di vacanza all'anno, allietati da spettacoli spesso crudeli, di cattivo gusto, tali da sollecitare gli istinti peggiori. Ma di questo tipo di decadenza gli scrittori latini avevano iniziato a lamentarsi fin dagli inizi dell’Impero, quando Roma era ancora militarmente molto forte. Ed anche questa dell’assecondare il cattivo gusto è una tendenza crescente ai nostri giorni, favorita e alimentata da internet e da un certo tipo di programmazione televisiva.
   La categoria di «decadenza», però, secondo De Jaeghere, è fondamentale per comprendere questo rilevante fenomeno storico, ma essa non è una causa di per sé, in quanto è essa stessa determinata da un insieme di fattori che creano un «processo», in cui le diverse cause si legano ed interagiscono tra di loro.
   Lo storico francese identifica come causa principale all'origine del processo la denatalità. Anche se il controllo delle nascite presso i Romani non aveva i mezzi tecnici di oggi, diffusissimi erano l'aborto e l'infanticidio, mentre andava sempre più aumentando il numero di maschi adulti che preferivano relazioni omosessuali. Il risultato di conseguenza divenne nel giro di poco tempo demograficamente disastroso: Roma passò, infatti, dal milione di abitanti dei primi due secoli dell'Impero ai 20.000 della fine del V secolo, con una caduta del 98% della popolazione. Le statistiche sulle campagne sono meno sicure, ma dal 30% al 50% degli insediamenti agricoli vennero abbandonati negli ultimi due secoli dell'Impero, non perché non fossero più redditizi, ma in quanto mancava la mano d’opera per coltivare la terra. Ma perché si verificò questo fenomeno che potremmo chiamare «suicidio demografico»? Lo storico francese sostiene che vennero lentamente meno i due pilastri della cultura romana, la pietas e la fides, la lealtà alle tradizioni morali e religiose trasmesse dai padri e la fedeltà alla parola data e agli impegni assunti come cittadino romano nei confronti della patria. 
   Già da tempo, però, la società romana aveva iniziato a trasformarsi: nel I secolo d.C. l'aristocrazia romana da élite guerriera e militare tendeva a diventare progressivamente un’élite terriera e latifondista, che riceveva a Roma i proventi dei propri possedimenti, sovente senza neppure mai visitarli. Questa nuova élite era più interessata ai piaceri della vita (e molti testi ce lo dimostrano, dal De re coquinaria di Apicio alle opere poetiche di Marziale, Lucilio e Persio) che alla difesa dell'Impero, considerato eterno e invincibile. In questo clima la natalità diminuisce, appunto, in modo vertiginoso: tutte le famiglie tradizionalmente aristocratiche dell'età di Augusto si estinguono prima del 300 d.C. tranne una, la gens Acilia, convertitasi al cristianesimo. L'esempio delle classi dirigenti, come sempre accade, trovò facilmente seguaci, per cui la moda del figlio unico, o di nessun figlio, arrivò in breve fino alla plebe. 
      L'obiezione degli storici, soprattutto di area anglosassone, è che tutto questo riguarda soprattutto Roma o comunque le grandi città, mentre ancora nell'ultimo secolo dell'Impero la stragrande maggioranza della popolazione vive nelle campagne. Ma anche qui, nota De Jaeghere, vengono meno la pietas e la fides, soprattutto in quanto l'Impero, troppo multiculturale e cosmopolita, è percepito come una lontana burocrazia che prende decisioni troppo spesso incomprensibili e si fa viva quasi esclusivamente per aumentare le tasse. Il piccolo proprietario di campagna nel migliore dei casi è disposto a battersi per difendere il suo villaggio, non i remoti confini di un Impero che percepisce come lontano e verso il quale non sente più nessun sentimento di «patriottismo», nel peggiore, accoglie i «barbari» come liberatori dal fisco romano che lo sta mandando in rovina.
   All’origine del declino della pietas vi è certo il declino della religione pagana che avrebbe potuto essere sostituita dal cristianesimo (come di fatto avverrà, ma più tardi) il quale, come dimostra Sant'Agostino, avrebbe saputo trovare in sé le ragioni per difendere l'Impero e la cosa pubblica, di cui non si disinteressava affatto. Ma, come si è già visto, nell'Impero Romano d'Occidente, anche quando lo professavano gli imperatori, il cristianesimo era minoritario. 
    Vediamo più in dettaglio le conseguenze della denatalità, molte, e tutte negative. Dal punto di vista economico, meno popolazione significa meno produttori e di conseguenza meno soggetti che pagano le tasse. L'Impero Romano cedette già allora alla tentazione di tanti Stati che anche in seguito nella storia si vennero a trovare in condizioni simili. Aumenta le tasse, fino a ridimensionare pesantemente l'economia con la conseguenza di incassare sempre meno tasse, dato che, se le imposte aumentano troppo, lo Stato finisce per incassare di meno, perché molti vanno in rovina per cui non pagano più nulla. La caduta dell'Impero è annunciata nel suo ultimo secolo dal precipitare del 90% degli introiti fiscali. Nelle campagne molti piccoli proprietari, che non possono più pagare le tasse, si danno alla criminalità e al banditismo.
   Interessante è anche considerare il sistema di produzione basato sulla schiavitù. Di fronte alla denatalità degli uomini liberi la soluzione si cerca nell'aumentare la natalità degli schiavi, vietando loro di praticare l'aborto e inducendoli a fare più figli con vari metodi di persuasione. Nell'ultimo secolo dell'Impero nel territorio dell'attuale Italia gli schiavi rappresentano il 35% della popolazione, ma non pagano tasse, lavorano con poco impegno e quindi in modo scarsamente produttivo e non hanno alcun interesse a difendere con le armi i loro padroni in caso di guerra. Inoltre bisogna considerare che l'economia schiavista degli ultimi secoli dell'Impero diventa anche statalista, in quanto sempre di più è lo Stato a gestire grandi imprese agricole dove lavorano esclusivamente schiavi. Questa situazione, sia pure con caratteristiche diverse, ricorda quella dei lavoratori e dei contadini sovietici, per lo scarso contributo alla crescita economica.
   Quando scarseggiano i cittadini, a causa della denatalità, e gli schiavi non risolvono i problemi, gli Stati e gli imperi ricorrono di solito, per ripopolare i loro territori, all’ immigrazione, anche in forma massiccia. A proposito della caduta dell’Impero Romano si parla per abitudine storica dei barbari invasori che avrebbero conquistato l’impero. Ma si dimentica, come fa notare De Jaeghere, che l’invasione più rilevante non è avvenuta per conquista, ma per immigrazione. Ad esempio, le misure prese per indurre popolazioni germaniche a immigrare, non solo legalmente ma addirittura con facilitazioni, per fare fronte al problema della denatalità, portano nel territorio imperiale dal 376 al 411, un milione di immigrati. Certamente i «barbari» emigrano nell'Impero, o lo invadono, perché nei loro territori la situazione è pesante per la pressione degli Unni provenienti dall'Asia Centrale. Così è per i Visigoti di Alarico che si stanziano nell’Impero in 250.000.
   Oltre alle facilitazioni, è da imputare alle classi dirigenti romane la decisione di reclutare gli immigrati per l'esercito, cosa che avrà conseguenze rilevanti e fatali. Di fronte all’obiezione che non sono cittadini romani, si concede loro rapidamente la cittadinanza, con la conseguenza di snaturare le legioni. All'inizio del V secolo l'esercito romano è più del doppio rispetto ai tempi di Augusto: da 240.000 uomini si è passati a oltre mezzo milione. Il problema è che più della metà sono immigrati di origine germanica. Di conseguenza sono «barbari» in maggioranza i legionari, anche se continuano ad essere romani i comandanti e soprattutto gli imperatori da cui le legioni prendono ordini, ma ad un certo punto i «barbari» si rendono conto appunto di essere la maggioranza dei soldati, così non accettano più la dirigenza militare dei Romani e, alla fine, uccidono i generali e li sostituiscono con uomini loro, per cui si uniscono agli invasori, in quanto etnicamente affini, anziché respingerli e pongono fine all’Impero, impadronendosene.
   Del resto, secondo De Jaeghere, da secoli Roma aveva un atteggiamento d’invito all'immigrazione nei confronti delle popolazioni germaniche. Le foreste del Nord sembravano ai Romani un mondo caotico, dove bande e capi si uccidevano tra loro, inoltre lo consideravano un territorio con poche ricchezze da portare a Roma. Di qui la decisione di disinteressarsi di una vasta area nord-europea, lasciando che lì si formassero lentamente le forze che poi avrebbero aggredito e distrutto l'Impero, anche perché la rete dei commerci informava questi «barbari» delle ricchezze e del benessere di Roma, scatenando i loro desideri.
    Pur con tutte le cautele che richiede ogni paragone fra epoche storiche molto diverse, la caduta di Roma mostra come anche grandi civiltà possano finire, e che una delle cause più rilevanti della loro scomparsa è quella demografica, in quanto la denatalità innesca una spirale di altre cause, dalle tasse non più sostenibili, allo statalismo dell'economia, all’immigrazione senza regole, all’indebolimento degli eserciti.
   Occorre, però evidenziare in particolare una differenza: gli immigrati e gli invasori di Roma erano molto diversi dagli immigrati di oggi per mentalità e cultura. Infatti, in gran parte germanici, non erano portatori di una cultura forte, per cui riconoscevano la superiorità di quella romana e di conseguenza cercarono di appropriarsene con ogni mezzo e in ogni aspetto, fino a convertirsi al cristianesimo. Oggi, invece, gli immigrati e soprattutto gli aspiranti invasori in armi, come il Califfato, sono portatori di un pensiero fortissimo: non pensano di dover assimilare la nostra cultura, ma vogliono convincerci della superiorità della loro, il che rende la situazione ancora più difficile e pericolosa. 
    Il saggio di De Jaeghere è una lettura molto interessante, appassionante per come è condotto il lavoro, con ricchezza di documentazione e vivacità espositiva. È senz’altro un testo capace di stimolare la discussione e aprire prospettive d’indagine anche da noi, per cui è auspicabile una buona traduzione nel nostro paese per renderlo disponibile al vasto pubblico.
 



9 commenti:

  1. Prof., lei è sempre lei: grande!
    Andrea, Stefano, Fabio, Veronica, Martina, Viviana

    RispondiElimina
  2. Renato Piccoli12 maggio 2015 19:52

    Testo interessantissimo per le analogie davvero impressionanti, dopo 2500 anni il mondo non è molto cambiato, perché cambiano molte cose esterne, ma a non cambiare è l’uomo nel suo essere.

    RispondiElimina
  3. Ma se il cristianesimo alla caduta dell’Impero Romano era in netta minoranza, quando e come diventa maggioranza e poi totalità?
    Grazie.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Il cristianesimo nei primi secoli dell’Impero si era diffuso con una certa facilità soprattutto negli ambienti più elevati e colti, che progressivamente si erano già allontanati dalla religione tradizionale per seguire piuttosto le scuole filosofiche, con le quali il cristianesimo venne a trovarsi in consonanza, in particolare per la metafisica privilegiata da Origene e con lo stoicismo per la morale. Di conseguenza il cristianesimo divenne religione consentita con Costantino (313) e poi religione di Stato con Teodosio (380) che di fatto la impose all’esercito. Questo voleva anche dire che il cristianesimo si era consolidato nelle città, in molte delle quali l’autorità del vescovo (come Ambrogio a Milano) era riconosciuta anche in ambito civile. Intanto nel volgere dei secoli, prima gli apologisti, ad iniziare da Tertulliano, poi i Padri della Chiesa, in particolare Agostino, avevano elaborato la grande costruzione dogmatica, esegetica e pastorale del pensiero cristiano. Più difficile e lenta fu la penetrazione nelle campagne, tanto che l’antica religione prese il nome di “paganesimo” (dal XII sec.), in quanto perdurò nei pagi, cioè nei villaggi. In questo vasto mondo agricolo e pastorale dell’Europa altomedievale fondamentale fu l’azione capillare di tanti sacerdoti e monaci benedettini che, interpretando in chiave di semplificazione pastorale la dottrina cristiana, anche con il progressivo utilizzo delle nascenti lingue volgari, seppero comunicare la fede cristiana al popolo in modo convincente, grazie anche ai loro esempi di vita e agli aiuti materiali ed anche tecnici, soprattutto in ambito agricolo, che furono capaci di offrire. Questo processo durò circa mezzo secolo, per cui solo intorno all’anno Mille si può considerare l’Europa quasi completamente cristiana e pronta ad un profondo rinnovamento.

      Elimina
  4. Signora Rosa Elisa, la ringrazio molto per la sua spiegazione chiara ed esauriente.

    RispondiElimina
  5. Angelo Bonfante13 maggio 2015 13:26

    Quando si parla di attuali “invasori” dell’Europa e forse soprattutto dell’Italia, mi pare che bisognerebbe considerare anche i cinesi, invasori sotto l’aspetto economico e commerciale, in quanto tendono ad acquistare sempre più il nostro patrimonio industriale e nello stesso tempo ad invaderci con i loro prodotti sotto-costo che danneggiano lo smercio della nostra produzione. Anche loro sono portatori di una cultura forte, sia per antica tradizione sia per il recente passato comunista-maoista, e evitano in tutti i modi l’integrazione, riproducendo in ogni luogo comunità chiuse e nettamente separate.

    RispondiElimina
  6. Vittorio Pesce18 maggio 2015 16:20

    Vedo che l’esperienza del passato ci dà elementi utili anche per farci un’opinione sul reddito di cittadinanza che, secondo me, è una cosa completamente sbagliata, perché incentiva le persone giovani all’ozio e alla fannullaggine, in quanto per chi perde il posto di lavoro c’è già la cassa integrazione. Ora questo reddito di cittadinanza potrebbe essere sostenibile se lo stato avesse degli introiti propri (tipo petrolio o miniere e cose simili) da distribuire ai cittadini, ma siccome in Italia ciò non accade, bisogna prendere tutto dagli altri cittadini, per cui, secondo me, non è giusto prendere dei soldi a chi lavora per darne a chi non lavora, perché non è vero che non c’è lavoro, perché se proprio non ce ne fosse di lavoro non verrebbero gli emigranti nel nostro paese, che vengono a fare i lavori che gli italiani non hanno più voglia di fare. Se gli italiani lavorassero in tutti i lavori necessari nel paese, gli emigranti non verrebbero e ci sarebbero meno problemi di tutti i tipi.



    RispondiElimina
    Risposte
    1. Carlo Biancheri18 maggio 2015 19:59

      Lei apre un dibattito rilevante.Credo che il lavoro manchi perché il PIL è diminuito notevolmente rispetto al periodo pre-crisi e perché alcune produzioni ormai non sono più convenienti per cambiamenti intervenuti o per competizione tra mercati. A ciò si aggiunga che vi è una trasformazione del lavoro stesso, determinato dalla nuova tecnologia, come già avvenuto nei secoli passati: il periodo di transizione è sempre molto duro. Ma lei ha anche ragione nel rilevare che gli italiani selezionano i lavori perché per imitazione di chi dispone di maggiori mezzi, psicologicamente, reputano che sia loro dovuto un tenore di vita che non è compatibile con le risorse.Come risolvere il dilemma?Abbassare il tenore di vita di tutti come negli Stati collettivisti?Aumentare la pressione fiscale sulle aliquote alte che già sfiorano il 50% del reddito?Un’altra patrimoniale?O intervenire alla Robespierre sui cd diritti acquisiti di cui si fà un gran parlare senza la minima cognizione di causa?I professoroni di economia alla Penati o Boeri o i sociologi o la Fornero vogliono introdurre norme con valenza retroattiva senza capire,a mo' – sia detto con rispetto - degli asini degli ultimi banchi di scuola,che se si introduce questo principio qualsiasi patto (pensiamo alle concessioni) è revocabile se la parte più forte reputa che non sia più conveniente il patto stesso, eliminando d’un tratto la certezza del diritto.Un contratto si può risolvere,tra l’altro, per eccessiva onerosità quando vi è squilibrio nel sinallagma, ma è un diritto selvaggio quello che rimette in discussione impegni presi ed aspettative di vita semplicemente perché adesso non convengono più. Se si ragiona così la legge diviene quella del lupo che si lamenta con l’agnello che gli sporca l’acqua…

      Elimina