domenica 4 giugno 2017

IL GENERALE DEI GESUITI E IL DIAVOLO


Carlo Biancheri

Domanda:… ’il male è un processo di psicologia umana o proviene da un’entità superiore’?
Risposta: ‘Abbiamo creato figure simboliche, come il diavolo, per esprimere il male. Anche i condizionamenti sociali rappresentano questa figura, dal momento che ci sono persone che agiscono come fanno perché si trovano in un contesto in cui è molto difficile fare altrimenti’  (Intervista concessa a El Mundo pubblicata il 31/5/2017).
‘Io credo che il diavolo non esista e, quindi, se è stato l’uomo ad inventarlo, questi lo ha creato a sua immagine e somiglianza’… E’ sempre il generale dei gesuiti p. Sosa  Abascal che parla? Corrisponde a quanto ha appena detto sopra…, invece, è Ivan Karamazov, quello dei tre fratelli che ha come assoluto, prima di Nietzsche, il proprio ‘io’ e come corollario ‘tutto è permesso’… e che non teme il confronto col diavolo stesso che gli compare.
Già, ma il primo è un prete, e non da poco, che reputa che abbiamo creato una figura simbolica… Tra l’altro, Satana è un angelo, secondo la dottrina della Chiesa, ne consegue che anche gli angeli sono creature simboliche… Perciò l’Annunciazione – spiace per quella meraviglia dipinta dal Beato Angelico e per Della  Robbia sul tema- va soppressa: l'ha semplicemente pensata Maria… Gli angeli del sepolcro vuoto, anche quelli sono allucinazioni… E quelli dopo l’Ascensione che mandano gli Apostoli nella Galilea delle genti? Beh… fà parte del folclore, altrimenti Raffaello come faceva a dipingere un quadro così bello? Tocca ripensare tutto? Scusate, ma al tempo di Gesù non c’era mica il registratore!
Chi è questo personaggio incolto, teologicamente parlando, che sembra ignorare che le fonti, dopo tutto, siano due: la Scrittura e la Tradizione (…)?
E’ figlio di un banchiere, ex-ministro del Venezuela. In Sud America con quel censo  ti chiamano Senor fin dalla prima infanzia e poi ti si rivolgono con Usted che sarebbe  per noi ‘Vossignoria’… Usted, Senor General, no nos entiende… si canta nella canzone degli Intillimani e sono i contadini a farlo… C’è una distanza stellare tra questi discendenti di Hidalgos e la gente, specie se india, che li vede come Santiago a cavallo che li scaccia con la spada: il Santiago Matamoros della Spagna diventa nelle Chiese coloniali dell’America latina Santiago Mataindios… Porta i baffi: a chi deve piacere? E quando parla lo fà con distacco, come quando dice che la sociologia è ormai una scienza da cent’anni e quindi può sostituire, nell'elaborare la teologia, il ruolo sin qui svolto dalla filosofia che ha come fondamento la ricerca del ‘che cos’è delle cose’, le cause… Credevamo che la sociologia fosse, come l’antropologia, una scienza descrittiva che non si ponesse proprio il problema  della ricerca delle cause, arrestandosi al livello comportamentale: nelle isole Fiji vige la poliandria, il sistema funziona e quindi va benissimo così. In altri paesi vige la poligamia: nessuno si lamenta? E va bene. Veramente Maometto qualche problema nell’autorizzare la poligamia se lo poneva (…), perché nel sostenere che un uomo può  avere fino a cinque mogli, aggiunge subito dopo ’a  condizione che sia giusto con ciascuna di esse’… e poi ‘ma nessun uomo è giusto’…
Dove ha studiato costui? Forse a Macondo o in un clima analogo? Il problema della ‘qualità’della scelta al di là di ciò che è descrittivo se lo è mai posto? Avrà anche studiato alla Gregoriana dove ormai si insegnano Heidegger e Lévinas per diventar preti e cioè che l’Essere è indefinibile e tutto è affettivo. Ma non si va dritti al fideismo per questa via? E  come faccio a dire che Dio è buono se non posso definire cosa sia buono e, come direbbe perfino Dostoevskji, io stesso non ho esperienza di ciò che è buono?
O forse, come sostenevano i modernisti, è  la Storia, hegelianamente intesa, il criterio di tutto per cui la liberazione degli oppressi coincide con l’evangelizzazione?
San Filippo Neri nell’organizzare il metodo dell’Oratorio grande con i due sermoni si raccomandava che non venisse usato il ‘modo parisino’ o ‘sorbonista’ – S. Ignazio voleva che le scuole della Compagnia si stabilissero nel ‘modo parisiense’ quanto agli ordinamenti ed alla didattica – ‘senza che ci si mettesse profundo et meditato diuturno studio et risolutione di libri et di diversi authori et scholastici…’ a favore della semplicità e dell’autenticità. Sebbene il Cistellini (San Filippo Neri, L’oratorio e la congregazione oratoriana, vol.I, pag. 88) si affretti  a precisare che ciò non deve esser inteso come polemica verso i gesuiti, che venivano appunto detti 'maestri parisini’, menziona solo il p. Lainez come esempio di spiritualità che contraddice l’approccio ‘parisino’. Si tratta infatti, con questo metodo, di trasformare il ‘sistema’ in logica dove la volontà/volontarismo, ma anche la preoccupazione del risultato, non hanno un ruolo minore e se ci si preoccupa del risultato si diventa necessariamente dei propagandisti, degli apologeti perché c’è un conflitto di interessi  e non si prende sul serio l’umano: la filosofia, scrive Aristotele, inizia con lo stupore delle cose… Preferiamo  una descrizione del comportamento umano come fattualità?
Il papa a Fatima, nel riconoscere i propri peccati, ha menzionato quello di non sapersi scegliere i collaboratori… Veda un po’ se in questo caso… e non dimentichi che, al tempo dei bombardamenti americani in Vietnam, in Europa, si gridava nelle manifestazioni: chi tace acconsente.

8 commenti:

  1. Oreste Bignami5 giugno 2017 11:06

    La cosa importante non è se il male deriva dal diavolo o meno, il problema è che il male esiste e si manifesta nella nostra vita in tanti modi, sempre nuovi. Oggi abbiamo il terrorismo islamico, per cui uno non può più andare tranquillo per la strada perché può incontrare un musulmano che gli dà una coltellata o che lo schiaccia con un auto. L’importante è eliminare queste cose, non chiedersi se esiste il diavolo o meno, che è un problema astratto che non si può risolvere, mentre il male esiste davvero.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Carlo Biancheri5 giugno 2017 11:10

      Gentile Signore, in questo blog ci affanniamo a spiegare che astratto non è sinonimo di irreale: queste cose le lasci dire ai giornalisti incolti o a Renzi e ai grillini. Se lei sopprimesse ciò che è astratto dal suo linguaggio non parlerebbe più. Anche perché i concetti, il ragionamento per parlare 'come se magna'..., sono astratti. No, non crediamo che tutti gli islamici siano il male e chi lo sostiene è un ignorante che non è mai stato in Andalusia, né nei territori maghrebini o in Egitto. Certo nel Corano ci sono tante, troppe cose affastellate e forse i germi di una weltanschauung integralista, ma ciò non giustifica condanne sommarie di una relazione che riconosce la trascendenza di Dio, mentre la violenza attiene a gruppi che per molti versi ricordano la ferocia delle Brigate Rosse, anche se le superano di gran lunga.

      Elimina
  2. Tommaso Sivori5 giugno 2017 11:12

    Se il diavolo è una creazione della mente umana, può esserlo anche dio, come pensava già più di duemila anni fa Senofane che scrive: “gli Etiopi credono che (gli dei) siano camusi e neri, i Traci, che abbiano occhi azzurri e capelli rossi ...ma se buoi, cavalli e leoni avessero le mani e sapessero disegnare... i cavalli disegnerebbero gli dei simili a cavalli e i buoi gli dei simili a buoi”.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Carlo Biancheri5 giugno 2017 11:13

      Ma certo! Non si capisce perché gli angeli siano un mito e Dio no... Se solo si credesse veramente alla Trascendenza...: sarebbe già scandaloso per gli umani che ragionano solo con la parte animale dell' anima...




      Elimina
  3. Michele Ludovisi5 giugno 2017 17:17

    A chi non crede al diavolo consiglierei di leggere i due libri di Gabriele Amoth, esorcista della Chiesa cattolica, in cui racconta le sue esperienze personali: Memorie di un esorcista, (Piemme) e Il Rito. Storia vera di un esorcista di oggi, Sperling-Kupfer, 2010.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Carlo Biancheri5 giugno 2017 17:26

      Sarebbe il caso di farli avere al generale dei gesuiti... che anche sul male inevitabile... e sul peccato sembra avere una visione particolare...


      Elimina
  4. Valerio Turchi5 giugno 2017 21:05

    Evidentemente lei, caro Biancheri, non ha dei problemi a cui pensare per risolverli, se sta a pensare se il diavolo esiste o meno, perché se, come me, avesse perso il posto di lavoro con tre figli e una moglie malata grave, penserebbe che, diavolo o non diavolo, l’inferno è già qui.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Carlo Biancheri5 giugno 2017 21:08

      Per chi crede, il male che ci affligge è proprio la resistenza a Dio, al Bene, per l'azione dell'avversario. Ci sono mali rimediabili con la solidarietà, come si faceva nella prima comunità di Gerusalemme che, periodicamente, i santi ripropongono nella storia, come Filippo Neri e l'oratorio, e ci sono mali non rimediabili umanamente. I cristiani dicono che non abbiamo una cittadinanza stabile qui e quel che è centrale è il Maranhata, vieni Signore, torna... Il papa dice che non ha spiegazioni per queste sofferenze se non Cristo in croce, noi ci ricordiamo che gli apostoli chiesero a Gesù, a proposito del cieco nato,ripeto cieco nato..., se avesse peccato lui o i suoi genitori... Né lui, né i suoi genitori, ma perché si faccia la gloria di Dio...: la pensano così anche Aliosha e anche l'idiota di Dostoevskij... Ciò detto ci si salva insieme e ci piacerebbe manifestarle la nostra solidarietà, se potessimo.

      Elimina