venerdì 1 dicembre 2017

RITORNANO...


Rosa Elisa Giangoia

Si poteva aver l’impressione, fino a poco tempo fa, che, avendo attraversato il Fascismo nella Storia, avessimo acquisito gli anticorpi contro ogni suo riproporsi, nonostante le trame eversive nere che, dal Piano “Solo”, passando per piazza Fontana, hanno portato al golpe Borghese, alla Rosa dei venti, a piazza della Loggia, all’attentato al treno Italicus, al tentato golpe di Edgardo Sogno e a molte altre vicende e ad intrecci, spesso non ancora chiariti.  Nel giro di qualche decennio questi fatti sono sempre più venuti sfocandosi e confondendosi nella memoria collettiva, mentre il fuoco della fede fascista, covando sotto la cenere, si stava alimentando e rinvigorendo… E ora si vedono gli effetti e le conseguenze. Forza Nuova e CasaPound si stanno affermando sulla scena politica, con centinaia di migliaia di seguaci sui social network, con invadenti presenze nel dibattito pubblico, ma soprattutto con sempre più numerosi seggi nei consigli comunali (Bolzano, Lucca, Arezzo, Grosseto, ecc.). E poi, legami con altri movimenti e partiti europei e soprattutto notevole disponibilità economica per una serie di attività economiche e commerciali in un’ampia rete di legami con l’Inghilterra, la Francia di Marine Le Pen e anche la Russia di Putin, come hanno ben documentato i giornalisti Palladino, Tizian e Vergine nell’articolo CasaPound. Chi finanzia i partiti dell’estrema destra italiana, recentemente pubblicato da L’Espresso (n. 45 del 5/11/2017, p. 46).
Di fronte a tutto questo bisogna anche rilevare che oggi c’è in Italia una situazione sociale e una diffusa mentalità che possono favorire l’orientamento politico a destra. Per capirlo, basta interpretare l’affermazione historia magistra vitae in senso vichiano e non come facevano gli autori latini che individuavano nella storia modelli esemplari di valore morale e civile da imitare. Oggi, come negli anni successivi al primo conflitto mondiale, c’è un diffuso malessere sociale che riguarda soprattutto i giovani, troppo spesso insoddisfatti del loro ruolo marginale nella società, disillusi in relazione ai loro studi, come quelli di allora lo erano per il contributo dato in guerra; inoltre ci sono nemici da combattere, in questo caso gli immigrati, dietro cui si profila lo spauracchio degli attentati e dell’invasione, come allora erano i “rossi”, dietro cui si profilava quello della rivoluzione bolscevica; oggi, come allora, c’è poi una diffusa indifferenza che non è solo più quella della borghesia, efficacemente tratteggiata da Alberto Moravia nel suo romanzo Gli Indifferenti, ma coinvolge anche la piccola borghesia e il mondo operaio, come dimostrano il forte astensionismo in occasione di turni elettorali e la potenza attrattiva delle cose acquistabili (belle, brutte, utili o inutili che siano) come ben testimonia la forza attrattiva dei centri commerciali con la loro capacità di devastazione esistenziale.
Per tutte queste ragioni non ci deve stupire che si verifichino episodi come l’irruzione degli skinhead a Como in un centro per immigrati, provocazione di un gruppo che vuole affermarsi con un’azione provocatoria per avere visibilità e accreditamento. Quella che va considerata è invece la differenziata serie delle reazioni e delle prese di posizione da parte dei partiti politici.  La sinistra supera le divisioni e si ricompatta per una manifestazione sabato prossimo che non potrà certo andare alla radice del problema. I leader della Lega e di Fratelli d’Italia, invece di condannare con fermezza e decisione, prendendo le distanze da questi soggetti, si limitano a fare dei distinguo, per non pronunciarsi apertamente contro le idee razziste, entrate ormai nel loro bagaglio ideologico, tanto che Salvini si attira il plauso e la condivisione di Giordano Caracino, leader del gruppo Veneto Fronte Skinheads, autore dell’irruzione.
A preoccupare è quindi il timore che le varie anime della destra “fascistoide” (come dice Renzi) si ricompattino, diventando quanto mai pericolose…
Nello stesso tempo la questione dei migranti va gestita con senso della realtà, senza lasciarsi andare agli entusiasmi di mons. Galatino per l’arrivo di nuovi profughi eritrei, ma considerando che le nostre capacità e possibilità di accoglienza non sono infinite.

4 commenti:

  1. La narrazione che ci forniscono i media della situazione italiana ci presenta una “realtà” in cui le tendenze economiche sono in miglioramento, mentre le persone avrebbero una percezione errata di questa “realtà” per cui la maggioranza degli italiani avrebbe sentimenti di rabbia, impotenza e sfiducia nei partiti. La cosa peggiore è liquidare questa situazione –molto pericolosa- come una “percezione sbagliata” di una realtà che invece dimostrerebbe (dati alla mano!) che le cose vanno di bene in meglio.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Carlo Bincheri4 dicembre 2017 09:27

      Il problema è che non si tratta di ripresa che genera posti di lavoro, come in passato, per le modifiche del quadro produttivo e le nuove professionalità di cui abbiamo più volte accennato. Tuttavia le imprese sostengono che gli ordinativi aumentano e che il ricorso alla cassa integrazione si è ridotto considerevolmente. Ma prima che la ripresa sia visibile ci vuole tempo: la disoccupazione supera ancora l'11% anche perché gli inattivi si sono messi a cercare un posto di lavoro. La percezione è anche dovuta ad un'informazione affidata a gente di parte o incompetente...

      Elimina
  2. Le nuove destre neofasciste tornano sulla scena perchè cercano di intercettare le paure e i risentimenti che i governi finora hanno eluso, cioè immigrazione, sicurezza, impoverimento del ceto medio, ecc. Non bisogna assolutamente rispondere con la retorica antifascista e nemmeno con quella della memoria, ma ci vogliono delle risposte politiche, ci vuole una condanna ferma e la forza della legge, ma soprattutto ci vuole la risoluzione dei problemi da parte della politica. Per questo l’idea di Veltroni di impostare la campagna elettorale contro il rischio del fascismo è completamente sbagliata. Fare campagna elettorale contro Berlusconi e Salvini in nome dell’antifascismo rischia di diventare un suicidio. Le nuove destre si sconfiggono misurandosi con i problemi da cui traggono consenso.


    RispondiElimina
    Risposte
    1. Sensata osservazione e, tuttavia, moltissimi votanti mica conoscono che significhi fascismo:chi non la pensa come me si becca una buona dose di legnate… o viene ammazzato o mandato al confino,i giornali debbono inneggiare al Capo che conduce…,secondo i dettami del Minculpop…, il mito della mascolinità,il linguaggio priapeo di quel guitto di Mussolini,come ben mostrato in letteratura,la viltà di mentire ad un popolo mandandolo in guerra in condizioni disastrose,il colonialismo con eccidi,in sostanza la ragione del più forte.Lei pensa che la cultura di un Di Maio e dei molti sciagurati e disonesti che lo votano capisca questo?

      Sui contenuti siamo d’accordissimo ma temiamo che non bastino perché la gente ormai si preoccupa di riempire gli stadi ed i concerti di musica rock, di farsi un selfie con chiunque sia conosciuto, quasi fosse un momento magico, xairós, per uscire dall’ombra anche per loro… E’ il tempo del grande fratello e cioè della caricatura dell’umano. Il concetto di creatività che, ci siamo sforzati di ripetere, è di matrice soggettivistica dà l’illusione che qualsiasi idiozia faccia l’uomo è positiva, creativa… Questo ci raccontano i fabbricanti di notizie. Per questo insieme all’evasione di massa, siamo pessimisti perché non vediamo la voglia né la capacità di sacrificarsi non in modo estemporaneo… per vedere l’effetto che fà… ma duraturo.

      Elimina