domenica 25 febbraio 2018

LA GLOBALIZZAZIONE SECONDO I SOVRANISTI

Per decidere sul voto bisogna anche pensare che noi siamo uno degli stati che hanno ceduto ampie fette di sovranità all’Unione Europea. Tutti gli stati, compresa l’istituzione europea, avendo accettato la globalizzazione come dogma, cioè in maniera acritica, non sono in grado di difendere molti settori produttivi con conseguente crisi economica. Gli Stati componenti l’UE hanno ceduto la sovranità monetaria alla BCE che però non l’esercita finanziando il debito degli Stati per gli importi richiesti oltre ai finanziamenti da parte dei loro cittadini. Ne consegue che i Paesi più indebitati sono soggetti a speculazione da parte di operatori extraeuropei con gravi conseguenze sull’economia dei Paesi interessati. In pratica la nostra sovranità economico-finanziaria non è finita nell’UE, che come Stato non esiste, ma è direttamente asservita al potere internazionale delle forze mondialiste che impongono le loro regole all’UE e di conseguenza agli Stati membri.  La crisi economica artificiosamente creata durerà ancora a lungo perché serve alle forze mondialiste – grandi multinazionali e alta finanza – che dalla crisi traggono arricchimento e potere. Continuando di questo passo nei prossimi dieci anni perderemo buona parte del settore produttivo a causa di chiusure, delocalizzazioni e vendite a stranieri per cui, con questo modello impostoci, l’Italia rischia di diventare un paese del Terzo Mondo. Se vogliamo salvare l’UE bisogna che il settore produttivo dei vari Stati sia difeso principalmente dalla concorrenza sleale.  Per di più l’UE deve esercitare, attraverso la BCE, la sovranità monetaria e finanziaria, togliendo i vari Stati dal pericolo dello strozzinaggio della speculazione extraeuropea. Le politiche adottate finora dai nostri governi di semplice adeguamento alle decisioni dell’UE non hanno impedito il declino, con la perdita in questi ultimi anni di 27000 aziende. Per questo bisogna scegliere partiti che optino per staccarsi da questa sudditanza, recuperando la sovranità nazionale totale, partiti che sappiano portare l’Europa, e quindi i singoli paesi, fuori dalla crisi, mettendo nell’angolo le lobby mondialiste, partiti che vogliano un’Europa diversa da quella attuale.
Riccardo Fenga

Ma cosa dice?  di votare i partiti che recuperino la sovranità nazionale (l’autarchia intende…?) nell’oceano della globalizzazione da cui nessuno esce? La vede l’Italia da sola a discutere con USA, Cina, Russia, India ecc.? Conteremmo come la Slovacchia. La sua descrizione del quadro è molto parziale e, come spesso succede con gli studenti che cascano nello stesso errore, fuorviante. Lei non ha trovato il bandolo della matassa e le spiego il perché. Mi sono occupato di questi problemi per circa trent’anni e ho partecipato anche ai negoziati GATS che hanno gettato le premesse della globalizzazione in ambito WTO, oltreché all’elaborazione di tutta la legislazione europea in materia di servizi finanziari e dei principi di vigilanza in sede mondiale, ai lavori dell’OCSE, altro organismo che con i codici di liberalizzazione ci ha portati nel contesto attuale. L’adesione alla UE comporta per tutti gli Stati membri, e non solo per alcuni, come dice lei, cessione di sovranità: la legislazione europea prevale su quella nazionale e la Corte di Giustizia si preoccupa dell’applicazione corretta nei singoli Stati. Ci sono poi gradi diversi di cessione di sovranità nel senso che i Paesi dell’Euro o dell’area Schengen sono soggetti ad un coordinamento, diciamo così, comunitario rafforzato. Si capisce che lei non ha mai messo piede ad un negoziato comunitario, come molti tromboni politici italici o i ragazzotti che vogliono improvvisamente sedersi nella poltrona di comando. Se ogni Stato membro non fosse soggetto a regole prestabilite, lei  pensa che si giungerebbe mai al benché minimo accordo specie quando gli interessi degli Stati stessi sono contrastanti? La UE è stata molto mal gestita da dodici anni a questa parte, grazie alla sig.ra Merkel, a Sarkozy e a Blair, ma senza la UE saremmo una penisola alla deriva nel Mediterraneo, perché il contesto mondiale è quello che è. Si immagina lei una controversia tra l’Italia e la Turchia per il petrolio o il gas di Cipro senza la UE? Lo sa quante volte è più grande l’esercito turco rispetto a quello italiano? E’ auspicabile riflettere prima di esprimersi. Certo la liberalizzazione è stata voluta dalle multinazionali e fatta grazie agli anglosassoni nel peggiore dei modi. Ma non c’è quel disegno preciso a cui lei pensa e di cui parlano quelli (…) dei 5S o il Salvini, senza capire, senza sapere. Sicuramente quando un big truck della finanza si muove sui mercati ha lo stesso effetto  di un elefante in una cristalleria. Per quanto le massonerie internazionali si sforzino di coordinare e di comandare  e così i grandi miliardari, il mondo è così vasto e le variabili sono tali che non è possibile pensare ad un complotto preordinato come si poteva fare un tempo, in contesti molto più piccoli. Ecco l’errore. Anche i grandi intermediari finanziari lo sanno e spesso si prendono delle bevute  come è successo con la crisi nel 2008. Quale la soluzione? Si tratta di  saper navigare e di adottare un atteggiamento pragmatico, duttile, ed esser presenti in tutte le sedi con persone qualificate  –l’opposto di quel fa l’Italia in molti casi…- per massimizzare gli interessi nazionali:  Padoan e Gentiloni hanno operato in questo senso. Ma i votanti non capiscono adesso tutto questo; temo che lo capiranno dopo, come gli inglesi, quando vedranno le conseguenze del voto. Ma sarà tardi.

Carlo Biancheri

6 commenti:

  1. Ma un campione olimpionico è in grado di fare il ministro? Il merito sportivo è anche competenza dell’apparato e del funzionamento del Ministero?
    E il ministro dello sviluppo economico dobbiamo andarlo a prendere in sud Africa e dobbiamo andare a prendere consigli in Ungheria?

    RispondiElimina
  2. Carlo Biancheri1 marzo 2018 08:44

    Il ragazzo Di Maio è svelto con la parlantina, ma dice sciocchezze. Per esempio, secondo lui, dobbiamo fare come la Spagna, e cioè accordarci con la Commissione Europea per sforare i parametri, in modo da non far pagare tanti contributi alle imprese ed assumere personale. Bel discorso,peccato che il paragone non regga. Ecco perché. La Spagna era sotto il controllo della troika, e cioè con il controllo per ogni atto di governo. La Spagna non aveva un debito pubblico comparabile a quello italiano, mentre aveva una disoccupazione, specie giovanile, quasi doppia della nostra. Come pensa il giovanotto di convincere il Commissario Moscovici a fare altro debito per sforare i parametri? Se il paese vuol restare nell'Euro, i capricci non sono consentiti. Allo stesso modo per migliorare la scuola vuol metterci più soldi: forse si ispira a Pinocchio in attesa dell' albero che invece dei frutti produca monete d'oro...

    RispondiElimina
  3. Marco Canepa1 marzo 2018 14:19

    A Genova, per iniziativa della Curia, hanno fatto nel salone del Quadrivium (che è della Curia) un tavola rotonda in cui gli esponenti di tutti i partiti hanno presentato se stessi e il programma del loro partito. A me è sembrata una cosa fuori luogo, non mi pare sia compito della Chiesa fare queste cose che riguardano la società civile e poi in più hanno anche invitato quello di Casa Pound. Ma l’articolo della Costituzione che vietava la ricostruzione del partito fascista non vale più?


    RispondiElimina
    Risposte
    1. Carlo Biancheri1 marzo 2018 14:21

      Al Quadrivium ci sono sempre stati eventi culturali, ma in passato erano relativi a temi teologici. L’allora giovane ora cardinale Kasper discuteva in quella sede con il protestante Kaspar sull’ecumenismo.
      Il fatto è che la Chiesa di Genova, e non solo quella, non si interessa più all’altra vita e quindi pensa bene di vivere al meglio questa, magari preoccupandosi di mantenere il potere all’ospedale Galliera, il posto in Consiglio di amministrazione alla Carige, territorio massonico, e via discorrendo…



      Elimina
  4. Fulvio Perna2 marzo 2018 11:38

    Abbiamo avuto una scarica di promesse elettorali da tutti i partiti, tutte di tipo consolatorio, anche se per lo più irrealizzabili se non a costo di altri sacrifici per la classe media. Ad esempio, per dare un salario a tutti quelli che non hanno reddito, avremo senz’altro un aumento delle imposte dirette e indirette e forse anche l’introduzione di una patrimoniale, per cui possiamo dire che la propaganda elettorale porta a dire solo mezze verità.


    RispondiElimina
    Risposte
    1. Carlo Biancheri2 marzo 2018 11:40

      Sì, ma il voto alla setta e alla destra creerà al paese problemi rilevantissimi: altro che Tajani!
      Il voto ai liberi uguali è contro,come sempre… cioè di chi non vuole seriamente por mano ai problemi e si contenta di slogan.
      E’ una vigilia oscura.

      Elimina