domenica 1 luglio 2018

GOVERNEREMO 30 ANNI!


Carlo Biancheri

Sacro popolo di Pontida, popolo guidato da un grande leader che tutto il mondo ci invidia: Matteo Salvini!

Noi non saremo mai schiavi della Germania e della Francia, a casa nostra comandiamo noi.

La pacchia è finita per i buonisti che hanno fatto i miliardi (di Euro?), i clandestini se li prenda la Francia, la Spagna.

Oggi siamo qui a rilanciare le nostre battaglie contro l’Unione sovietica europea.

Vogliamo un’Europa dei popoli.

Grazie al nostro Capitano (Duce?) Matteo Salvini è nato il Governo del cambiamento (dopo un mese quali e quante decisioni prese? Che risultati al vertice sui migranti a Bruxelles?).

Grazie, magnifico popolo radunato sul pratone del sacro suolo (che si tratti di Gerusalemme?).

Ecco i nostri  centoventitré deputati insieme al loro capogruppo ‘giovane’, determinato, preparato: Riccardo Molinaro (da non confondere con l’intrepido Balilla).

Se ora l’Italia può alzare la testa in Europa è grazie a voi (…ma… nessuno la segue!).

Siamo il primo partito in Italia per la nostra coerenza (attendiamo notizie dei 48 milioni di soldi pubblici truffati che la magistratura genovese ricerca).

Gli italiani hanno capito che la soluzione erano quelli della Lega ( …come del resto i loro nonni avevano fatto con Mussolini).

Grazie a Matteo Salvini se in Europa si parla del blocco dell’invasione.

Prima si deve portare il lavoro in Italia, riaprire le fabbriche (per decreto? Si lavora in perdita?), viva la Lega, viva il sacro popolo di Pontida (ma …il rosario nuovamente esibito è forse contro il malocchio?), viva Matteo Salvini!

La Lega è anche un posto dove ci si ama e oggi si sposeranno… con  un gran cerimoniere, il doge Zaia (come  doge? Il titolo non era riservato alla stretta cerchia dei nobili veneti e lo Zaia non proviene da una   famiglia di un paese del Trevigiano? E il prete non c’è?).

Il Ministro (a) Stefani del Governo italiano è autonomista e l’autonomia è  grande spirito di libertà (per inciso, con i soldi di tutti gli italiani che pagano i servizi essenziali come esercito, magistratura, trasporti e le autostrade fasulle), è il futuro ed il Veneto è il modello (veramente, il paesaggio del Veneto è stato distrutto dai leghisti che hanno autorizzato la cementificazione di una delle regioni che era tra le più belle d’Italia, persa per sempre).

Gli altri hanno demolito il sistema bancario veneto (Uhm… a parte la banca della Lega fallita a suo tempo…, con Zonin i leghisti non avevano rapporti? E con Montebelluna neppure? A chi lo raccontano?).

Il ritorno al lavoro deve esser con i calli sulle mani non con un click a colpi di spread, parola del Capitano Salvini che di lavoro se ne intende… (di professione…?).

Migranti in Italia non ne arriverà nemmeno uno…

Pontida, 1° luglio 2018.

Due giorni fa tra la Libia e Lampedusa sono risultati dispersi oltre cento migranti nel naufragio di un gommone, di cui tre bambini di meno di un anno.

Se questo è un uomo… 

9 commenti:

  1. Ma voi che avete sempre creduto di essere i più intelligenti è meglio che ora stiate zitti perché Matteo Salvini ha dimostrato di essere molto meglio di voi e si è preso il potere.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Carlo Biancheri2 luglio 2018 17:33

      Ah... anche Hitler, Lenin, Mussolini hanno fatto lo stesso. Anche Maduro in Venezuela, o Pinochet in Cile o Castro a Cuba o i presidenti di tanti paesi in Africa in Asia: è pieno di esempi di gente che passerà alla Storia ma come esempio negativo. Questo nuovo governo è già riuscito a creare instabilità economica -molti capitali italiani stanno uscendo - e confusione in Europa che era la casa comune. L'ignoranza al governo la pagheremo tutti anche chi subisce la follia in atto. La cosa curiosa è che i ciarlieri non ragionino allo stesso modo qualora debbano subire un intervento:in questo caso si cercano persone competenti e non si applicano slogan uno vale uno o il predominio del popolo! Perché?

      Elimina
  2. Nino Privitera3 luglio 2018 09:33

    Ma osate parlare di incompetenza voi che avevate messo alla Pubblica Istruzione una come la Fedeli che non era laureata e dichiarava di esserlo!
    Ma siate seri e state zitti!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Carlo Biancheri3 luglio 2018 09:37

      Parliamo, parliamo. Abbiamo sentito il professore di attività motorie che siede sulla poltrona di Gentile ma non è propriamente un intellettuale. Sembra un esperto di logistica, un organizzatore ma non chiedetegli cosa sia la paideia... Quanto alla Fedeli, beh, due mali non fanno
      un bene. Ma queste sono considerazioni di ragione e con questo governo la ragione è andata in ferie.

      Elimina
  3. Beppe Morselli4 luglio 2018 07:00

    Tenetevi pure la Fedeli e anche la Boschi che se n'è andata in vacanza a Merano nel resort da 300 € a notte dove di solito andava Berlusconi. Se questa è la sinistra di lotta e di governo, certo che si squaglia di fronte a noi che con i provvedimenti del governo varati ieri abbiamo iniziato il nuovo corso di difesa del lavoro e di valorizzazione della persona per la sua dignità e felicità.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Carlo Biancheri4 luglio 2018 07:03

      Provi a pensare non in termini di noi ma di cosa è giusto fare. I provvedimenti varati ieri dal ragazzetto che cerca la copertura dei sindacati anch’essi, ahimé, affetti da demagogia, non aiuteranno affatto la stabilizzazione dei posti di lavoro. Bisogna certo combattere lo sfruttamento ma attualmente le aziende, in tutto il mondo –prego informarsi- molto spesso o assumono a tempo determinato o non assumono affatto (se non in nero, beninteso). Il fatto è che l’occupazione cresce quando si creano le condizioni per produrre e non per decreto, a meno che uno vagheggi uno Stato ad economia centralizzata (abbiamo ben visto gli esiti storici!) o conti balle agli allocchi. La reintroduzione delle causali nel rinnovo dei contratti a termine, soppresse nel 2014, sarà fonte di molto contenzioso, come avvenuto in passato. Tutti provvedimenti di facciata, narrativa, dichiarazioni che costituiscono la sostanza di un governo profondamente amorale, salvo poche eccezioni.



      Elimina
  4. Alberto Farnesi5 luglio 2018 06:05

    Ascoltando il discorso di Salvini a Pontida e la sua sequela continua di preoccupanti fesserie, ho pensato che se Gentiloni nei panni di Bonomi non ci sta poi tanto male, Conte in quelli di Facta è perfetto. Purtroppo di qui si può immaginare cosa succederà...
    Alberto Farnesi

    RispondiElimina
  5. La situazione che si sta delineando con questo governo non si supera con piccoli tatticismi politici lasciati a due partiti ormai irrilevanti, se non in via d’estinzione, come il PdL e il PD, ma c’è bisogno di una robusta azione di ricostruzione culturale, a cui deve dare un contributo fondamentale la Chiesa Cattolica, con la sua concezione antropologica, invece di occuparsi di questioni marginali, come i gay, la comunione ai divorziati risposati, ecc. ecc., facendo finta di non accorgersi dello svuotamento delle chiese.



    RispondiElimina
  6. Carlo Biancheri5 luglio 2018 08:31

    Il problema che lei solleva è centrale,a nostro avviso.
    In effetti chi parla più di persona, di giustizia sociale che dipende da giustizia commutativa e distributiva, di bene comune con cognizione di causa?
    Anche i vescovi pasticciano. Tutti hanno dimenticato la grande stagione che parlava di umanesimo, umanesimo ‘integrale’ e che era un’alternativa al marxismo dittatoriale.
    Troppo presi a cercare il consenso per inseguire le ultime novità di successo, le gerarchie hanno ridotto il dialogo ad una sorta di passepartout ripetendo la sciocchezza della fine delle ideologie, confondendo tra ideologia ed ideologismo. Il dialogo, teorizzato dal Concilio suppone che ci sia accordo sia su alcuni valori fondamentali sia sul metodo del dialogo per iniziare un cammino. Abbiamo visto,invece, il direttore di Avvenire, poi smentito (…),sostenere che c’era convergenza tra il mondo cattolico e i 5S, sorvolando sul fatto che usa i metodi della setta di Scientology,guidata da un comico in disarmo pregiudicato e da un oscuro sistema che si rifà a Rousseau che con la Chiesa ha avuto ben poco da spartire, non solo per le ripetute conversioni di comodo a tutte le confessioni cristiane, ma per i contenuti ‘poetici’… del suo pensiero.
    Probabilmente l’incapacità di reagire dipende da una crisi di fede se il teologo del papa Kasper teorizza la ‘desustanzializzazione’ di Dio per rispondere alla centralità del soggetto che caratterizza, ahimé, da secoli il pensiero contemporaneo e che ha generato il soggettivismo di cui vediamo gli effetti.Quanti ormai credono alla presenza reale?Non è forse un simbolo come la famosa tazza di thé dove sta dentro tutto l’affetto di vostra zia (Schillebeckx)?E la grazia?Non sono diventati molti cattolici pelagiani con l’attivismo del fare e l’ossessione volontaristico/attivistica che si traduce,in ultima analisi, in volontà di potenza?E sulla persona di Gesù non vi è forse un nestorianesimo diffuso?Cristo, come diceva Marx, è una persona rispettabilissima,il primo socialista,cioè un uomo ‘assunto’?La liturgia è sciatta con le preghiere dei fedeli preconfezionate e molto lontane dall’intento iniziale:nella riforma liturgica, per molti versi positiva, si sono smarrite molte parti consolidate nei secoli che invitavano alla preghiera in modo profondo.I vescovi appaiono stupiti quando un giovane sacerdote si sposa con un uomo ma nessuno si interroga se chi vuole farsi prete cerchi veramente Dio come recita la regola di san Benedetto e se i preti vivano quel che predicano (v. I dialoghi di Gregorio Magno). Nelle università cattoliche si pensa che la metafisica sia un ectoplasma e l’affettività coincide con la fede; si insegna che Cristo è il futuro della Storia…: parole. Ci sono voci di dissenso, per ora in minoranza.

    RispondiElimina