domenica 27 dicembre 2015

ANCORA SULLE BANCHE E... SUL BEL PAESE


Risposta di Carlo Biancheri a Danilo Fioravanti

Continuano a circolare informazioni da parte di chi si impanca a maestro e dispone al massimo di un’infarinatura su questioni complesse che richiedono molto studio prima di pronunciarsi.
Proviamo a mettere in fila alcune considerazioni.
1.La Banca d’Italia, organo della vigilanza prudenziale, cioè della stabilità degli intermediari finanziari, escluse le assicurazioni, ha deciso che le  quattro banche popolari non potessero esser salvate con accesso al credito, come avvenuto in passato, per sofferenze ben maggiori, ad esempio nel caso del Monte dei Paschi di Siena: l’istituto ebbe un prestito dal Tesoro, poi rimborsato. Se ben capiamo la norma comunitaria che attiene al salvataggio delle banche entrerà in vigore a decorrere dal primo gennaio 2016 ma in questo caso si è deciso… di allinearsi alla normativa con due mesi di anticipo, nel timore di cadere negli strali di Lord Hill, il Commissario europeo, rappresentante dell’industria finanziaria inglese, non propriamente benevolo col paese della pizza e del mandolino, così la pensa lui…
Il Governatore della Banca d’Italia, caduto inopinatamente dal pero, scopre che la direttiva comunitaria all’Italia non andava bene ma che ci furono pressioni per approvarla…
Un momento, Signor Governatore, i funzionari della Banca d’Italia, come lei sa o dovrebbe sapere, partecipano a tutte le riunioni indette dalla Commissione prima e dal Consiglio europeo poi, dove si discutono le bozze delle direttive, e naturalmente all’EBA, l’Autorità bancaria europea. Nella normativa comunitaria si prevede che in caso di bail in di una banca, i portatori di obbligazioni subordinate siano chiamati a concorrere alla stregua degli azionisti per far fronte al passivo, così come i titolari di conti correnti con ammontare superiore ai centomila Euro (fino a centomila Euro i depositi sono garantiti, in caso di insolvenza delle banche), seppure pro-quota. È noto che l’Italia, malgrado la crisi, registra una rilevante propensione al risparmio delle famiglie, superiore a quella degli altri paesi europei, in nessuno dei quali un privato detiene in un conto corrente  un ammontare  superiore ai centomila Euro. La norma è quindi di interesse quasi esclusivamente italiano… dove ci sono privati che dispongono di liquidità che non investono più in titoli di Stato nell’attuale incertezza: perché non ci si è opposti al tavolo dei negoziati? Tanto più che si tratta di  castroneria madornale:  un correntista prima di aprire un conto corrente deve esser costretto a fare un’analisi dei bilanci di una banca per valutarne la rischiosità… e, nel contempo, non fà alcun investimento! Al Governatore, a sentirlo adesso, non andava bene neppure il concorso dei portatori di obbligazioni subordinate; allora perché votare a favore del testo? Qual era la contropartita negoziale? Forse i suoi funzionari, convinti delle proprie posizioni, erano autoreferenziali, non in grado, cioè, di stabilire alleanze con altri Stati membri, congiuntamente al MEF, per determinare minoranze di blocco? E il Parlamento, nelle sue Commissioni - mi riferisco in specie ai bellimbusti seguaci del pianeta Gaia capaci di protestare ma non avvezzi ad usare gli strumenti di cui dispongono - non  riceve periodiche comunicazioni  sull’andamento del negoziato? Non fornisce indicazioni? Ha approvato senza fiatare?
2.A sentire i procacciatori di cause delle associazioni dei consumatori, i vigilanti non hanno svolto correttamente il compito loro affidato nel caso delle quattro banche.
Sull’operato di Banca d’Italia riesce difficile comprendere la tempistica dell’ intervento e, sotto le righe, par di capire che il bail in rientra in un più ampio disegno di accorpamenti e diminuzione dei soggetti creditizi, troppo numerosi… Inoltre, la Banca, custode della stabilità del sistema e dei soggetti vigilati, non si interessa se nel cammino  vengono sacrificati i risparmiatori…
Sulla Consob vale la pena di spendere qualche parola. Va detto che in passato, molto prima di Vegas…, la Commissione ha avuto il grande merito di divulgare la cultura del mercato dei valori mobiliari in un paese dove il mercato di borsa era un mercatino di insiders, a detta del Financial Times. Poi Tremonti, Ministro dell’Economia, fà nominare un suo sottosegretario alla presidenza, in spregio a tutti i principi internazionali sull’indipendenza del controllore. Lo stesso che votò, pur nominato presidente della Consob…, la fiducia al Governo Berlusconi! Venne poi l’idolo di tutte le  confraternite internazionali, il prof. Monti che, nella sua saggezza, pensò bene di ridurre il numero dei Commissari Consob da cinque a tre… Il prof. Monti di mercati finanziari non ha mai capito un’acca, pur essendo stato Commissario per il mercato interno, dove ha svolto tendenzialmente una politica filo-inglese, cioè di libero scambio senza controlli ed intralci burocratici; non capiva, di certo, perché alla SEC i Commissari fossero cinque… e, pour cause …; per lui tre potevano bastare. Il Parlamento, parco buoi, approvò pedissequamente: spending review, diminuzione di poltrone… che volete di più?
Il successore Letta non ci mise mano… Avvenne che i Commissari rimasero in due: il Presidente ed un altro ed in caso di parità il voto del Presidente prevale… In pratica, il famoso Monti trasformò un organo, per sua natura collegiale, data la delicatezza del compito – altro che ente inutile come gridano gli incolti – in organo monocratico: un capolavoro. Alcune delle operazioni incriminate avvennero precisamente in questa fase. Solo l’attuale governo ha avvertito la necessità di riportare a cinque i Commissari, di cui due appena nominati…
La Consob aspettava, a suo dire, gli esposti…, per avviare ispezioni sul collocamento dei titoli. Un atteggiamento non precisamente proactive, come dicono gli inglesi. Non poteva per caso prevedere che i titoli fossero collocati tra  gli investitori istituzionali soltanto?
È vero che il calcolo probabilistico su cui si sono fiondati tutti i commentatori è una sciocchezza che gli inglesi usano in casi limitati, anche se a stretto rigore non potrebbero aggiungere alcunché ad un regolamento UE, quello sul prospetto, ma si sa che, nel settore, loro sono più uguali degli altri oltreché furbi… La SEC lo vieta e questo è significativo o rende responsabili i collocatori…
Rispetto delle procedure, competenze sembrano il fine ultimo delle Amministrazioni in Italia, sul merito… de minimis non curat praetor!
3.In Europa non contiamo abbastanza e la burocrazia europea ci è ostile. Oh,davvero? Da quanto tempo? Quanti italiani lavorano nella Commissione? E chi ci rappresenta conosce i dossiers, il diritto comunitario? È capace a negoziare? Quante lingue parla? Capisce la mentalità di chi ha di fronte, per trovare il punto debole?
I pugni sul tavolo sono perfino controproducenti se  si viene dipinti come velleitari, inconcludenti. Non si sarà mai abbastanza grati al Cavaliere di aver inviato in Europa Commissari che hanno imparato l’inglese in quella sede e che, quindi, ci hanno messo un bel po’ per inserirsi oppure giornalisti provenienti da giornali romani (cronaca nella fattispecie) che all’evidenza non avevano alcuna competenza! Abbiamo votato Barroso (bella roba per l’Italia), Juncker (che viene da uno Stato confinante con la Germania di  trecentocinquantamila persone…), l’allargamento a staterelli baltici, ovviamente filo-tedeschi…
In Italia, per decenni si diceva: chi se ne importa se ci fanno la procedura d’infrazione? Noi continuiamo con la nostra legge nazionale e i nostri ‘impicci’… Le direttive non si recepivano… Poi avevamo i federalisti, cioè i fautori degli Stati Uniti d’Europa che consideravano gli altri dei fratelli… -coltelli, aggiungiamo noi… - come si è visto nelle negoziazioni dove il nostro interesse nazionale veniva difeso debolmente e maldestramente solo quando imposto da qualche gruppo potente in Italia. Questo, il quadro.
4.Probabilmente alcuni piccoli risparmiatori sono stati truffati perché non è stato rispettato il profilo di rischio da parte dei collocatori e loro non han capito cosa volesse dire conflitto d’interessi… Questo va sanato. Ci sono, tuttavia, anche i furbi che volevano guadagnare senza capire il rischio che correvano e che ora vogliono che lo Stato assicuri loro l’investimento, come gli azionisti, cioè quelli che hanno investito in capitale di rischio! Che la Popolare dell’Etruria fosse una confraternita è noto a tutti, come spessissimo succede in questo povero Paese e qui stà il male.


Finalmente la verità sta emergendo! Un lungo elenco di finanziamenti in pieno conflitto di interessi. Al cui centro c'è Banca Etruria.

E tutto intorno un fitto reticolo di spa e cooperative collegate all'ex presidente dell'istituto, Lorenzo Rosi, e a esponenti di spicco del governo. Nel lungo elenco di nomi, che a primo impatto potrebbero non voler dire nulla e che la Guardia di Finanza sta cercando di ordinare, non spunta soltanto Pier Luigi Boschi, padre di Maria Elena e fino a qualche mese fa vice presidente di Banca Etruria. Tiziano Renzi, padre del premier Matteo, detiene insieme a Rosi la Party Srl. Della stessa società Laura Bovoli, madre del presidente del Consiglio, è amministratore unico. La Banca d'Italia sta cercando di far luce sui presiti della Banca Etruria in conflitto di interessi. Prestito che sono costati ai risparmiatori la bellezza di 18 milioni di euro. Nel mirino sono finite ben 198 posizioni del valore di 185 milioni di euro. E non è finita qui. Altri 90 milioni sarebbero, poi, stati infognati tra le posizioni in sofferenza. Un brutto pasticcio, insomma, che riconduce direttamente a spa e cooperative vicine a Rosi. Tra queste, come ricostruisce il Messaggero, spiccano (non certo positivamente) il Consorzio Etruria srl, l'Etruria Investimenti srl, l'Immofin srl e la Città Sant'Angelo Sviluppo spa. C'è poi la Città Sant'Angelo Outlet Village nel cui cda sedevano sia Rosi sia l'ex componente del cda di Banca Etruria Lorenzo Nataloni. Il 40% della Città Sant'Angelo Outlet Village è controllato dalla Castelnuovese, cooperativa presieduta da Rosi fino al 2014. Per costruire un outlet alle porte di Pescara la Castelnuovese avrebbe ricevuto finanziamenti sospetti. Nel mirino delle Fiamme Gialle ci sono poi la Td Group spa, la Casprini Holding spa, la Cd Holding spa, la Cdg srl, la Praha Invest srl, la Casprini Gruppo Industriale spa, la Naos srl e la Gianosa srl. Il lavoro dei finanzieri ora sta nel rintracciare i reali proprietari di questo immondo groviglio. Alcuni nomi sono già venuti fuori. E non fanno certo dormire sonni tranquilli. Perché, come ricostruisce Valentina Errante sul Messaggero, Rosi è "amministratore anche della Egnazia Shopping Mall, controllata al 12% dalla Castelnuovese e al 31% dalla Nikila Invest, che, a sua volta, insieme a Tiziano Renzi, padre del premier Matteo, detiene il 40% della Party srl, mentre Laura Bovoli, madre del presidente del Consiglio, è l'amministratore unico della società".
Danilo Fioravanti

11 commenti:

  1. Danilo Fioravanti29 dicembre 2015 15:13

    La ringrazio, caro Biancheri, per la sua dettagliata risposta che fornisce informazioni interessanti ma elude il nodo della questione, cioè se componenti del governo (tramite loro prestanomi) hanno responsabilità nella situazione che si è creata in Banca Etruria o in altre banche.

    Va poi tenuto presente che la questione non è affatto conclusa, in quanto in base ai dati forniti da Bankitalia il 20 luglio u.s. sono ben 18 le banche sottoposte ad amministrazione straordinaria e gestione provvisoria, praticamente l’anticamera del fallimento. Ecco l’elenco:

    • Istituto per il credito sportivo

    • Cassa di risparmio di Ferrara (Carife)

    • Banca delle Marche

    • BCC Irpina

    • Cassa di risparmio di Loreto

    • Banca popolare dell’Etna

    • Banca Padovana di credito cooperativo

    • CRU di Folgaria BCC

    • Credito trevigiano BCC

    • Banca popolare delle province calabre

    • Cassa di risparmio della provincia di Chieti

    • Banca di Cascina credito cooperativo

    • BCC Banca Brutia

    • BCC di Terra d’Otranto

    • Banca popolare dell’Etruria e del Lazio

    Non sono presenti nomi altisonanti come MPS semplicemente perché pur essendo una banca in forte difficoltà, non è stata commissariata o messa in amministrazione straordinaria.

    Già, perché se si dovesse andare a vedere le banche in cui gli ispettori di Bankitalia hanno trovato situazioni border line, chiedendo l’azzeramento dei vertici o fusioni con altri istituti di credito per “bonificare” la situazione, l’elenco non avrebbe fine. Solo per il Veneto, basti pensare alla situazione della Popolare di Vicenza, piuttosto che a Veneto Banca che hanno entrambe annunciato situazioni critiche, centinaia di licenziamenti e chiusure di sportelli per cercare di riassestare i conti, e nelle altre regioni il discorso non cambia molto. Difatti, MPS ha previsto la chiusura di 400 sportelli, 200 Unicredit, 140 almeno per il Banco Popolare, 25 per Popolare dell’Emilia Romagna, 30 Popolare di Milano e 13 per la Popolare di Bari. Circa 850 sportelli bancari chiusi con relativi dipendenti mandati più o meno a spasso (non tutti possono essere pensionati o ricollocati).

    Di fronte a una situazione così critica del sistema bancario italiano non mi pare si possa dare la colpa a mancati controlli capillari o a qualche sportellista che non ha seguito i profili di rischio dei clienti! La questione è grossa e la classe politica deve assumersene le responsabilità.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Carlo Biancheri29 dicembre 2015 15:15

      Sul coinvolgimento di membri del governo, ho scritto che nel caso della popolare dell’Etruria si trattava di una ‘confraternita’, diciamo così…, come in innumerevoli altri casi che coinvolgono o hanno coinvolto la Lega e altri che ora sono fuori dal Governo. Il problema è tutto italiano dove si scambiano furbizia ed intelligenza quasi fossero sinonimi… e così siamo vissuti con banchette locali che facevano comodo ai potentati locali di turno,magari con la benedizione del vescovo - pecunia non olet – molto utili a gestire l’esistente ed elargire fondi ai compari, a scapito degli ignavi risparmiatori…
      Quanto alla ristrutturazione di un sistema bancario molto affollato e con in pancia crediti incagliati che tipo di provvedimento può adottare il Governo?Imporre per legge che una banca in bonis si fonda con un’altra che sta per tirare le cuoia? Questione complessa che la Banca d’Italia sta affrontando a suo modo, non precisamente trasparente…

      Elimina
  2. Ma poi per Banca Etruria c’è tutta la questione dell’oro in lingotti che deteneva. In vari caveau super protetti vengono conservati 9 tonnellate e mezzo d'oro. I clienti dell'istituto, detentori del “conto oro vero” posseggono circa 3,5 tonnellate; una giacenza della stessa banca che si aggira su una media giornaliera di 2 tonnellate e infine ci sono gli impieghi per il distretto industriale orafo per 4 tonnellate. Il controvalore sul mercato è un di circa 310 milioni di euro. La concentrazione di oro sparsa in caveau nascosti per tutta Arezzo è seconda solo a quella di BankItalia. Etruria è inoltre una delle poche banca autorizzate a vendere oro non lavorato, ovvero non trasformato in ninnoli, orologi o gioielli vari, da quando nel 2000 una legge ha permesso questo tipo di operazioni.

    RispondiElimina
  3. Raffaele Artini1 gennaio 2016 10:36

    Dato che anche voi in questo vostro blog avevate fatto un rilievo simile, vi informo, in caso vi fosse sfuggita la notizia, che domenica 29 novembre in Francia nella parrocchia della Santissima Trinità a Wisembach nei Vosgi il parroco mons. François Scheider ha definito la canzone che il gruppo Eagles of Death Metal stava eseguendo il 13 novembre al Bataclan al momento dell’attacco terroristico “ispirata da satana”. A seguito di questa sua affermazione è stato redarguito dal suo vescovo mons. Jean-Paul Mathieu della diocesi di Saint-Denis che l’ha costretto a fare pubbliche scuse e auto-critica nell’omelia del 20 dicembre u.s.
    Cosa ne dite?

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Carlo Biancheri1 gennaio 2016 10:38

      Come dice il papa, citando qualcuno, chi non prega Dio, prega Satana. Il satanismo è nei fatti quando si propone un modello di vita che suggerisce che la vita stessa sia una festa perenne e che il dolore e la morte debbano considerarsi un mero incidente di percorso, da esorcizzare; Satana è il regno dell'istante, hic et nunc, non c'è futuro, direbbe Dostojevskj. Ciò detto, bisogna fare attenzione alle strumentalizzazioni, ai simpatizzanti della Fraternità S. Pio X che sono apocalittici per imporre il loro 'tradizionalismo': i ruminanti della Santa Alleanza, diceva Maritain... Noi siamo fermi alle virtù teologali... Così si combatte lo spirito del mondo, lo scrive Giovanni...

      Elimina
  4. Angelo Puccini1 gennaio 2016 10:39

    Penso che anche lei, caro Biancheri, sia d’accordo che il messaggio di ieri sera del presidente Mattarella è stato all’insegna della più trita banalità e del più vieto buonismo conformista, senza un’idea, senza un pensiero, una riflessione, una proposta: registrazione piatta dell’esistente. Per fortuna non ha detto che nel 2016 libereremo La Torre e Girone, ma pedissequamente ha tirato in ballo la Cristofoletti. Certo che di fronte a questa piattezza e alla strafottenza di Renzi che nega l’evidenza per colorare di rosa l’Italia la preoccupazione che il M5S prenda sempre più campo e porti avanti quanto propone Casaleggio nel suo nuovo libro “Veni, vidi, web”, che sta spopolando, è davvero grande.
    Buon Anno a lei e alla sua signora!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Carlo Biancheri1 gennaio 2016 10:42

      Altrettanti auguri a lei: ne abbiamo bisogno. Sì,il messaggio nuovo nelle forme - anche se chiamare il papa 'Francesco', come alla bocciofila... tradisce un provincialismo da strapaese - banale nel contenuto, perché privo di proposte. Il grande tema del nostro tempo è il vuoto della politica che corrisponde all'assenza di ideali, di speranza, all'incapacità di vivere insieme perché non c'è più curiosità della vita. Ciò che conta è il proprio 'io' e il piacere. Per fare un esempio del decadimento della politica, pensi che il Ministro Gentiloni, stile Veltroni..., ha scritto una lettera all'UE insieme al Ministro degli Esteri inglese per la riforma dell'Unione stessa. Dire sprovveduto è dir poco! Gli inglesi, nella storia, non hanno mai aiutato l'Italia, anzi ci hanno sempre considerati 'underdogs', come dicono loro, salvo reputarci esseri 'esotici' dinanzi a grandi artisti. Nella UE hanno pedissequamente lavorato per impedire una vera Unione e trasformarla in un libero mercato senza regole, possibilmente... Vinca il più forte... E noi ora ci alleiamo con loro per opporci allo strapotere tedesco: roba da principianti o da intellettuali della rivista "Ombre rosse"...

      Elimina
  5. Marcello de Santis1 gennaio 2016 20:20

    Sono d’accordo con lei quando parla del vuoto della politica e della mancanza di speranza, ecc. Direi che l’unico che sa dire qualcosa all’uomo oggi è papa Francesco che per questo riscuote tanto successo. Però poi questo non crea fede, perché le chiese alla messa della domenica sono sempre più vuote e ci sono solo anziani. Forse dipende dai sacerdoti, troppo diversi e lontani dal papa?

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Carlo Biancheri1 gennaio 2016 20:26

      I sacerdoti sono spesso stanchi e soli e temono di parlare con la gente di quel che credono veramente. S.Francesco lamentava la verbosità... Bisogna tornare a S.Gregorio Magno e a quel che dice di San Benedetto: non predicò diversamente da come visse... Se i fedeli avessero più fede e speranza, forse anche la Chiesa diventerebbe più koinonia e meno casta clericale.

      Elimina
  6. Anch’io, caro Biancheri, voglio fare a lei e alla sua signora i miei più sinceri e fervidi auguri per il nuovo anno, perché voi siete delle persone speciali che scrivete sempre delle cose interessanti, intelligenti e profonde, veramente pensate, senza andare dietro alle opinioni comuni correnti, ma soprattutto vorrei fare alla signora tantissimi complimenti, perché qualche settimana fa (mi pare fosse il 19 dicembre) l’ho sentita parlare qui a Milano a un convegno e sono rimasto molto ammirato della sua cultura e abilità, ma anche della sua semplicità. Volevo dirglielo a voce ma poi mi sono intimidito.
    Cordiali saluti.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Rosa Elisa Giangoia1 gennaio 2016 20:29

      Grazie per le parole così gentili nei nostri confronti e per gli auguri che ricambiamo. Peccato non averla incontrata a Milano, le avrei stretto volentieri la mano!

      Elimina