venerdì 16 giugno 2017

IN QUALI MANI METTIAMO GENOVA?


Rosa Elisa Giangoia



Il fatto che 88.781 genovesi abbiano votato per Marco Bucci al primo turno delle elezioni comunali lascia piuttosto stupiti per il fatto che il suddetto candidato, pochi giorni prima, aveva dichiarato in un’intervista a “Panorama” che Genova può diventare il più bel sobborgo di Milano, indicando così una linea di decadimento della nostra città che, privata della sua antica connotazione di Superba, verrebbe ridotta ad un sobborgo, entrando in competizione con altri comuni satelliti di Milano, come, ad esempio, Abbiategrasso, entrambi a 45 minuti dal centro del capoluogo lombardo, con la costruzione del Terzo valico nel giro di pochi anni. Evidentemente questi genovesi hanno poco amore per la loro città, per la sua identità storica e culturale e privilegiano il fatto che ad Abbiategrasso ci siano gelaterie che producono gelati di oltre 60 gusti, mentre a Genova, tradizionalisti e poco fantasiosi, si rimane legati alla panera e al paciugo!  Ma, scherzi a parte, prospettare una tale evoluzione per Genova vuol dire privilegiare per il futuro i collegamenti ferroviari veloci con Milano, con molte conseguenze per l’assetto cittadino, in primo luogo la rivitalizzazione delle zone abitative vicine alle stazioni ferroviarie e l’abbandono delle altre ad un loro non meglio precisato destino…
Domenica 25 Marco Bucci dovrà vedersela al ballottaggio con il candidato della sinistra Gianni Crivello che ha realizzato circa 12.000 voti in meno. La competizione per il Comune di Genova è dura e indubbiamente la sinistra, a guida PD, deve fare un intenso sforzo di convincimento e di propaganda per sperare di poter continuare a governare il Comune di Genova. Al momento non ci pare lo stia facendo. Indubbiamente i cinque anni in Comune di Marco Doria non aiutano, in quanto riverberano sulla sinistra un’immagine di immobilismo e di assenteismo dai problemi cittadini, aureolati solo dal mito della sua onestà. Siamo però convinti che serva poco agitare nei confronti di Bucci lo spauracchio della peggiore destra o il becerume trumpiano di troppi consiglieri e affini, appoggiandosi su foto di Bucci stretto tra Salvini e Meloni, accusando tutti loro e il governatore regionale Toti di xenofobia neofascista.
Ci sembra che il discorso da fare ai genovesi dovrebbe essere molto diverso, alternativo anche alle generiche promesse di una città più pulita e ordinata, di un ipotetico sviluppo che dovrebbe portare nuovi posti di lavoro in città. Occorre prendere atto con consapevolezza e sincerità dei problemi che l’amministrazione Doria ha lasciato insoluti e/o inaffrontati e proporre documentate ipotesi di soluzione, suffragate da precise ipotesi  e possibilità di spesa. Alle promesse elettorali non ci crede più nessuno, come non serve la demonizzazione dell’avversario. Per vincere servono delle idee, gli spauracchi non bastano Ai genovesi bisogna dire qualcosa di chiaro e risolutivo su AMT, sui rapporti AMIU IREN, sulla gestione dell’immigrazione e sulla sicurezza; occorre concludere opere che si  trascinano da troppo tempo, come la copertura del Bisagno o lo scolmatore del Fereggiano e dar inizio ad altre.
Ma occorre anche mettere Marco Bucci difronte a precise e responsabili scelte. Lui si è sempre dichiarato cattolico e recentemente ha presenziato alla Messa di papa Francesco. E allora, come concilia questa sua scelta con le dichiarazioni del suo patronus politico Matteo Salvini che ha affermato che “per i migranti serve una pulizia via per via, quartiere per quartiere e con le maniere forti, se serve, perché ci sono interi pezzi d’Italia fuori controllo”. Le posizioni del papa sono completamente diverse e Bucci deve dire da che parte sta.

4 commenti:

  1. Genova, come molte altre grandi città italiane, come hanno dimostrato le elezioni dell’anno scorso, è veramente stanca delle amministrazioni di sinistra che, specie nell’ultimo decennio, non hanno portato niente di buono nella città lasciandola decadere sempre più nell’abbandono e nell’inefficienza. I servizi pubblici funzionano male, il verde pubblico, a parte pochissime zone-vetrina, è in totale abbandono, i parcheggi sono carissimi, come pure i taxi, fioccano le multe, non c’è lavoro, perché non c’è sviluppo, abbiamo un forte carico di migranti che oltre ad essere mantenuti e alloggiati nei centri d’accoglienza, stazionano ad ogni angolo tendendo la mano, oltre a quelli che hanno costruito vere e proprie baraccopoli o campeggi. Noi vorremmo cambiare. Ma cosa dobbiamo fare per non cadere in mano ai fascisti xenofobi che già abbiamo sperimentato al governo nazionale come incapaci e corrotti? Perché la sinistra non mantiene le promesse e non si mette sulla giusta strada? Ha le mani legate da più alti occulti poteri o è incapace?

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Carlo Biancheri17 giugno 2017 09:54

      La sinistra esprime la crisi, l'incapacità di reagire della società tutta e l'alternativa alla sinistra è anche peggio, perché invece del bene collettivo ci sono solo gli interessi individuali o di parte. Toti docet... La crisi economica ha colpito Genova più che altrove sia per la scarsa stampa della città a livello nazionale, sia per la visione ristretta, senza il respiro del primo Novecento, dei genovesi che hanno possibilità di investire. Emblematica è la storia della Carige, consegnata per lustri ad un pugno di massoni avventurieri...
      In questo blog sosteniamo che non bastano interventi di politica economica, ma occorre intervenire anche sulle persone e sul loro modo di essere, di stare assieme...

      Elimina
  2. Sembra proprio che a Genova la sinistra faccia di tutto per non vincere. Si fa strada il dubbio che voglia scaricarsi della responsabilità della città, dopo averle fatto toccare il fondo. E’ chiaro che per attrarre voti non ha senso dire, come Crivello, "ora i partiti sono fuori, ci sono due candidati a confronto" e puntare tutto sulla persona e sulla sua competenza: un altro verso dell'antipolitica! In questo modo non cava un ragno dal buco. I voti bisogna meritarseli, dimostrare intelligenza (politica, per l'appunto!), non fare affidamento sull'antico richiamo antifascista che ormai, purtroppo, convince pochissimi, per combattere il candidato leghista. Altro che tirar fuori i moti del ‘60! Occorre pronunciare qualcosa: qualcosa di sinistra che gli elettori vorrebbero sentirsi dire! Lasciamo perdere la mancata discontinuità con la precedente Giunta (in cui Crivello era dentro!) in materia di aggregazione AMIU-IREN e sulle Grandi Opere, ma visto che la CGIL appoggia toto corde Gianni Crivello, che cosa gli costa fare, come Pisapia, una dichiarazione contro la reintroduzione dei voucher? E invece silenzio assoluto, immobilismo!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Crivello dovrebbe piuttosto pronunciarsi sui temi più caldi a Genova: gronda sì o no? e perché si o no? riqualificazione e sostegno dei quartieri-ghetto come il CEP, Begato e altri; la questione degli ospedali del Ponente, in primis il Padre Antero: perché venderne gli immobili per acquistare gli Erzelli? e poi la valorizzazione di tutto il Ponente che potrebbe passare anche attraverso lo sfruttamento dell’archeologia industriale, magari in partenariato con la Fondazione Ansaldo.
      La questione della reintroduzione dei voucher, di per sé, in misura così limitata, è per metà demagogia, ma, al di là di questo, compete al governo nazionale e non ai sindaci che amministrano i comuni grandi o piccoli.

      Elimina