giovedì 20 aprile 2017

DI PROFESSIONE CATTOLICI

Rosa Elisa Giangoia

La Chiesa Cattolica italiana, nel ristretto provincialismo del suo orizzonte, per l’ennesima volta sta prendendo lo slancio per salire sul carro del presunto vincitore, per cui, dopo la risibile liaison in mano ad Irene Pivetti, l’acquiescenza  nei confronti di Berlusconi, omaggiato dal cardinal Bertone e salutato all’aeroporto da papa Benedetto, e l’apprezzamento per il cattolicesimo scoutistico di Renzi, ora, terminato l’impegno per le celebrazioni pasquali, sono iniziate le grandi manovre di avvicinamento al movimento di Beppe Grillo, di cui veramente, proprio nei riti della Settimana Santa c’erano state le prime avvisaglie con la cordiale accoglienza da parte di papa Francesco alla sindaca di Roma Virginia Raggi - ma non era inconcludente ? - a cui, secondo i quotidiani, avrebbe fatto seguito un faccia a faccia improvvisato su temi top secret e la presenza in prima fila di Luigi di Maio (con la fidanzata…; va detto che ormai è desueto sposarsi) alla Messa di Pasqua in piazza San Pietro.  Ma l’apertura vera e propria della marcia di avvicinamento è avvenuta ieri con gli interventi mirati di Marco Tarquinio che sull’”Avvenire”, di cui è direttore, ha intervistato Beppe Grillo e sul “Corriere della Sera” ha risposto ad un’intervista per chiarire le sue idee sul M5S.
Su “Avvenire” Beppe Grillo dà un’immagine del Movimento che non corrisponde alla realtà dei fatti, soprattutto alla luce di recenti vicende. Parlare di “onestà e competenza al servizio dei cittadini” è dire qualcosa smentito da molti fatti in situazioni locali in cui il M5S è al potere o ha cercato di acquisirlo anche con mezzi illegali, bastino i casi di Roma e Palermo; dire che il M5S ”sarà l’espressione di elezioni libere” è un’affermazione totalmente smentita dalle recenti vicende di Genova, interne al movimento.  Tutto il resto è fumoso e inconsistente. A proposito dei temi etici, il Movimento è per l’”autodeterminazione, intesa come la possibilità data ai cittadini di essere cittadini’, il che è è un flatus vocis privo di contenuto, come parlare di “reddito di dignità”, espressione usata ora da Grillo invece di “reddito di cittadinanza” per adombrare in prospettiva una più equa distribuzione del reddito sempre con la critica allo Stato attuale che paga “vitalizi ai politici e bonus super-milionari ai manager”, ma forse anche per recuperare l’idea che al reddito sia collegato il lavorare, come nell’attuale forma del “reddito d’inclusione”, per essere esente dall’accusa di quel populismo, fatto di panem et circenses, tipico del Basso Impero e delle dittature… Un correggere progressivamente la rotta da parte di Beppe Grillo per rendersi più facilmente accettabile in vista del confronto elettorale, poi si vedrà…, sembra pensare!
Particolarmente debole e confusa appare la proposta del Movimento per quanto riguarda la politica estera, con decisioni affidate agli iscritti in estemporanee consultazioni on line che fanno prevalere un antieuropeismo, ben rimarcato da Grillo anche nella sua intervista, nella prospettiva di un paese che dal suo isolamento suppone di potere modificare l’assetto della politica internazionale. Posizione molto illusoria, ma anche molto pericolosa per l’idea di uscire dall’euro, le cui disastrose conseguenze sono già state più volte evidenziate in questo blog. E qui nasce l’interrogativo: sono così sprovveduti che non se ne rendono conto? O cavalcano una posizione di cui conoscono le negative conseguenze solo perché populisticamente capace di raccogliere consensi, senza preoccuparsi di quali danni potrebbe portare al paese? Sprovvedutezza o cinico gioco al massacro?
Ma ora veniamo all’intervista a Marco Tarquinio sul “Corriere”, rilevante perché molto probabilmente dà voce a idee non solo sue,  ma ispirate da qualche vertice. L’intervista inizia un po’ sottotono, sul tema del lavoro domenicale, in evidenza in questi giorni per le proteste in alcuni centri commerciali, come quello di Serravalle Scrivia, non certo uno dei problemi nodali della situazione italiana, per cui il ritrovarsi in consonanza con il M5S non mi pare di determinante rilievo.  Sembra piuttosto un escamotage per arrivare ad un elogio di Luigi Di Maio e a un’annessione del M5S nell’area cattolica. Ma che bisogno c’è di dare una patente di cattolicità al M5S? E poi che autorità ha Tarquinio per parlare a nome dei cattolici e affermare che “nei tre quarti dei casi abbiamo la stessa sensibilità”? Per additarlo come partito da votare ai cattolici? Ma ciascun cattolico, adulto e non tale per “intruppamento” dovrebbe essere capace di scegliere chi votare, senza indicazioni “dall’alto”. E poi non si capisce cosa ci sia di cristiano nello scegliere se sia meglio mantenere l’Euro oppure no… Non vorremmo che Grillo diventasse il nuovo “uomo della Provvidenza”. Ne abbiamo già avuto abbastanza, da quello in auge nell’infausto ventennio, quando solo la FUCI a Camaldoli fece sì che non ci si dovesse vergognare di essere cattolici, fino a tempi a noi più vicini, ugualmente infausti... Le parole di Tarquinio danno l’impressione che in certi gruppi cattolici l'essere credenti sia una sorta di appartenenza ad un modo di essere familistico-borghese dove tutto si trasforma in melassa e opportunismo in un generico buonismo, in semplicioneria, mentre alla gerarchia è attribuito uno status che sembra essere quello di tuttologi. A questo proposito è opportuno richiamarsi al Concilio, in quanto nella  Gaudium et Spes (76) si dice che nessuno rivendichi l'autorità  della Chiesa a difesa delle proprie idee e nel contempo si riconosce l'autonomia dei laici cristianamente ispirati nel fare le loro scelte con l’obiettivo del bene comune. Additare il M5S è  tanto più biasimevole perché  il dialogo avviene con persone che amministrano molto male le realtà locali (basti pensare a Roma, completamente bloccata da troppo tempo), si avvalgono di  procedure democraticistiche che si sostanziano in like, con un Movimento affine per comportamenti alla Chiesa di Scientology con gli alieni e l'instaurazione del pianeta Gaia dove tutte le religioni avranno il loro ruolo.
Ci rallegriamo che “Famiglia Cristiana” abbia sostenuto il contrario  di  quel che ha detto il Tarquinio. Anche  la Conferenza episcopale sembra aver reagito  freddamente. Lo stesso direttore ha dichiarato che si trattava di opinioni personali  –alla buon’ora! Aveva  detto noi… Noi chi? -. Da tutto ciò  ricaviamo che ormai esser cattolici non vuol più dire per i media vivere una fede ed aderire a quel che i cattolici chiamano il  depositum fidei ed essere in comunione  con la Chiesa. Basta che uno si dichiari tale, anche se professa idee razziste o è divorziato, come la Le Pen e altri anche in Italia. 
Quanto al Tarquinio, mandato callidamente in avanscoperta o avventuratosi per stoltezza ed ignoranza, sappia che questa linea non è conforme a quanto sancito dal Concilio che prendeva sul serio l’umano, nel quadro di un nuovo umanesimo che ripudia integrismo  – cioè deduzione dai dogmi delle scelte politiche- e giochetti, sostanzialmente amorali, oltreché infantili.

 

11 commenti:

  1. Mi trovo in totale sintonia con quanto espresso.Grazie

    RispondiElimina
  2. Renato Dellepiane20 aprile 2017 21:04

    Non si può non essere d'accordo con una analisi tanto lucida ed obbiettiva. Purtroppo però l'abitudine di "correre in aiuto ai vincitori", anche solo probabili (e, si spera, non reali) è un'inveterata abitudine degli intellettuali italiani e di molti giornalisti. Mi veniva in mente la stessa cosa osservando la "santificazione" di Piero Ottone (la cui morte peraltro mi addolora) che di questo opportunismo fu maestro...

    RispondiElimina
  3. Elisabetta Degl'Innocenti20 aprile 2017 21:05

    Mi chiedo, esterrefatta ogni giorno di più: quale progetto politico sta alla base di questo annebbiamento della razionalità e della verità, di questo spingersi incosciente verso un precipizio istituzionale, che sta dilagando tra giornalisti, intellettuali, dirigenti politici, economici, culturali, tra privati cittadini e pubblici personaggi, anche di buona cultura e di esperienza politica e professionale? quali obiettivi hanno o quali previsioni fanno, di medio e lungo periodo? Intendo: oltre un'ipotetica vittoria elettorale dei 5S. Al sostegno della quale fa da pendant il pervicace impegno a distruggere l'unico tentativo veramente riformistico realizzatosi di recente in Italia (cioè, pur con tutti i suoi limiti, quello di Renzi).

    RispondiElimina
  4. Stefano Alberti22 aprile 2017 08:14

    Bisogna far capire alla gente che quello che dice il M5S è una serie di fantasie che non possono avere poi realizzazione e che vengono millantate solo al fine di acchiappare voti. Cominciamo con il reddito di cittadinanza che tale non è, perché non verrebbe dato a tutti, anche ai “surfisti di Malibù”, ma è semplicemente un “reddito di inclusione”, a proposito del quale non si dice da quale soglia di reddito verrebbe erogato, quale spesa quindi prevedrebbe e soprattutto da dove verrebbero presi i finanziamenti. Loro propongono 2 miliardi di aumento della tassazione delle banche e delle assicurazioni: cosa vuol dire? e chi paga poi alla fine? Poi propongono 1,5 miliardi di aumento dei costi di trivellazione, come se il prezzo dell’energia alla fine lo pagassero i petrolieri e non i cittadini nelle bollette. Altri 500 milioni verrebbero trovati con la soppressione di enti inutili, tra cui il primo citato è il CNEL, ovvero l’ente che il PD aveva proposto di abolire con il referendum del 4 dicembre scorso a cui i 5Stelle hanno fatto votare contro...
    Poche idee e confuse... Stiamo attenti in che mani ci mettiamo!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Carlo Biancheri22 aprile 2017 08:17

      Certo. Per esempio, sulle banche, che pure depredano sovente i clienti depositanti mediante commissioni, spese spesso ingiustificate e per nulla trasparenti o piazzando prodotti finanziari di società controllate o di società cui hanno concesso prestiti in perfetto conflitto di interessi, restano imprese che non possono sopravvivere senza produrre profitti perché altrimenti sarebbero enti caritativi. Alla setta hanno un'infarinatura culturale manichea, cioè tutto il bene da una parte e tutto il male dall'altra: per questo insultano gli altri in continuazione. Non sanno neppure che un rimedio c'è ed è, come sosteneva Keynes, il controllo serio, non quello sommario e giustizialista, come si immaginano loro...

      Elimina
  5. A Genova per le elezioni amministrative ci sarà da divertirsi! Il divertimento è iniziato oggi, quando all’incontro dell’ANACI con i candidati a sindaco, per il M5S si sono presentati sia Pirondini che Cassimatis, entrambi rivendicando di essere il rappresentante del Movimento, mentre Putti, che l’ha abbandonato da poco, guardava a distanza lo scontro tra i due. Sarà anche questa volta che tra i due litiganti a godere sarà il terzo?

    RispondiElimina
    Risposte
    1. La presenza in lizza dell’orchestrale, cantante, nonché piazzista di prodotti alimentari, dimostra soltanto la prepotenza del comico, regista di tutta l’operazione, e della sua aiuto-regista Alice Salvatore.

      Elimina
  6. Angelo Corsini1 maggio 2017 14:59

    A me stupisce MOLTO di più che ci siano cattolici che votano PD, che in questa legislatura è riuscito a contrastare tutti quelli che fino a poco tempo fa erano chiamati valori non negoziabili: divorzio breve, unioni civili che sono di fatto un matrimonio tra omosessuali (adozioni comprese, come immaginavano sin dall'inizio, per sentenza), eutanasia e liberalizzazione delle droghe leggere (proposta del PD che sarà presto in discussione alle camere). Cosa devono fare ancora e di più? È logico che i cattolici cerchino altrove una rappresentanza politica.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Carlo Biancheri1 maggio 2017 19:35

      Ma lei lo sa che da circa sette secoli l'agire morale del cristiano è fondato su criteri quali bene maggiore o male minore in quanto fino all'eskaton ci sarà il limite, il peccato di origine, che genera il male con cui fare i conti e che consiste nell' anteporre il proprio io a Dio? E quali sarebbero i mali minori? Berlusconi dedito alle cene eleganti, la fascista Meloni o quel Salvini il cui eloquio di per sé costituisce un insulto alla retta ragione o il raggruppamento di Scientology?
      Naturalmente sempreché il cattolicesimo non trasformi la Trascendenza in immanenza, come vorrebbe Scalfari, magari con l'aiuto di qualche gesuita come il generale con i baffi - a chi deve piacere?- che sostiene che sulle parole di Gesù non c'è certezza perché non c'era il registratore... Un'atmosfera che ricorda: Così è se vi pare...

      Elimina
  7. Luciano Fabbri1 maggio 2017 20:51

    Va detto chiaro e prima di ogni altra considerazione: l'«uno vale uno» di Grillo ha poco a che vedere con il civismo democratico e il senso di bene comune elaborato da un secolo di cristianesimo politico italiano.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. L’”uno vale uno” dei grillini, in realtà, contrasta con uno dei principi fondamentali del cristianesimo, quello della creazione individuale e dell’unicità del singolo che lo fa portatore di pensiero autonomo e di autonoma capacità di decidere, senza dover sottostare al “garante” di turno.

      Elimina